La caratteristica che si nota subito è la conformazione tozza e muscolosa del corpo di Viperide in quanto la vipera è un cacciatore d'agguato quindi deve avere muscoli potenti per piombare sulla preda e azzannarla nel modo più rapido ed efficace. Ad oggi la situazione è nettamente peggiorata, l’area verde, da tempo finita nel dimenticatoio e senza manutenzione, versa in condizioni disastrose tra aiuole selvagge e abbandono, innescando così pericoli. Le vipere tornano a fare paura in Italia e all’estero. La vita a grandi quote delle vipere è possibile in quanto si tratta di animali ovovivipari: le uova non vengono deposte nel suolo ma trattenute nel ventre materno fino alla schiusa; la madre, esponendosi al sole, mantiene le uova a temperature convenienti, molto maggiori di quelle medie a queste quote, permettendone lo sviluppo. Coronavirus nel Lazio, il bollettino di oggi, giovedì 10 dicembre 2020: sono 1488 i nuovi casi positivi (886 a Roma città) con meno di 16mila tamponi effettuati. Coronavirs nel Lazio, il bollettino di oggi giovedì 24 dicembre 2020. Vipere e Colubri (Italia centrale, ma non solo...) , Natura Mediterraneo, forum micologico, forum funghi, foto funghi, forum animali, forum piante, forum biologia marina, schede didattiche su piante animali e funghi del mediterraneo, macrofotografia, orchidee, forum botanico, botanica, itinerari Nel Lazio sono presenti numerosissimi insetti come le farfalle, le formiche, le api, le vespe, le lumache, le cavalletee etc.. Molto importanti sono le zone appenniniche del Lazio, infatti qui vi trovano riposo gli uccelli impegnati nelle migrazioni del nord Europa all' Africa. Fra queste la più abbondante è il Biacco (Hierophis viridiflavus) un serpente non velenoso, frequente nelle campagne e nei giardini su terreni rocciosi e soleggiati, che se disturbato dall’uomo preferisce la fuga.Nelle boscaglie e nei bordi. Solo la scorsa settimana tre cani a causa di questo abbandono sono stati morsi da vipere. Le Vipere di qualsiasi specie, non superano i 100 cm. Nelle escursioni in campagna, in collina ed in montagna, ossia in tutti quei posti dove è più alta la probabilità di incontrare vipere, bisogna indossare un abbigliamento adeguato, ad esempio pantaloni e calze lunghe, prestare attenzione nel raccogliere specie vegetali e funghi o mettere le mani in cespugli, erba alta e pietraie. Nel Parco di Veio sono state segnalate 18 specie di rettili. Dopo l’allarme lanciato nel nostro Paese e in Francia, in tanti si chiedono cosa fare se si incontra una vipera e come riconoscerla.A causa del caldo di questi ultimi giorni i rettili hanno ripreso a popolare i sentieri di montagna e sono diversi gli escursionisti che hanno riferito di avvistamenti e, peggio ancora, di morsi. Nella Regione Lazio, ai sensi della DGR n. 545/10, la Microzonazione Sismica è obbligatoria, per il Livello 1 su tutto il territorio comunale, per il Livello 2 per tutti i Piani Urbanistici Attuativi, mentre per il Livello 3 sulle zone suscettibili di instabilità, per gli Edifici … Cornavirus nel Lazio, il bollettino ufficiale di oggi 27 dicembre: su quasi 10 mila tamponi nel lazio (-779) si registrano 977 casi positivi (-146), 16 i decessi (-8) e +817 i guariti.