Quando vengono spaventati i curiosi rettili dispiegano il loro "clamide", un lembo di pelle riccamente vascolarizzato che di solito tengono disteso sotto il capo. Scopri come attivarlo Avere un’ottantina di denti aguzzi e non masticare quasi mai. Uno sbuffo di vapore sale da un cratere del vulcano Popocatepetl, in Messico, e si confonde tra le nuvole. Questo esemplare di pitone indiano (Python molurus), che vive nella foresta tropicale del sud continente asiatico, forse si vuole fare un “goccetto” per mandare giù la sua ultima preda. Anche perché la vipera dei Walser è molto più simile ad altre specie che vivono nel lontano Caucaso, come la Vipera kaznakovi o Vipera darevskii. Le vipere escono dal letargo tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo, MA non partoriscono sugli alberi, ed i piccoli NON cadono dagli alberi mordendo. Le due tartarughe, nate lo scorso febbraio nella Riserva Biologica di Abufari in Brasile, dovranno rimanere al riparo ancora per alcuni mesi. [E. Nelle isole hawaiane per esempio questo animale era considerato una sorta di divinità famigliare ("aumakua") da tutelare e soprattutto da non mangiare. Argille e sabbie presentano alte concentrazioni di sale in superficie, dovute alla presenza di abbondanti depositi minerali nella regione. I. I ricercatori hanno chiarito che la distanza genetica tra le due specie è rilevante, così come è importante, per gli zoologi, il fatto che i territori in cui vivono le due vivere siano distanti. Una dote utile anche in amore: i maschi con la lingua sentono l'odore delle femmine che si trovano nei paraggi. Ma questa tartaruga delle Galapagos (Geochelone nigra), che può vivere oltre cent'anni, è quasi maniacale! Scoprilo nelle nostre "previsioni". In questo caso si tratta di un caimano, riconoscibile per la forma del muso a "U", diversa dalla "V" dei coccodrilli. Forse sta chiamando la mamma che ha perso? ], Vederselo spuntare davanti non dev’essere il massimo. A prima vista queste uova potrebbero sembrare le stesse di ieri (guarda la foto), ma in realtà quello che fa capolino da questo guscio al Sriracha Tiger Zoo, in Tailandia, è un piccolo coccodrillo (ord. Le analisi condotte da alcuni ricercatori italiani e stranieri, in particolari due erpetologi del Muse di Trento, sono state pubblicate sul Journal of Zoological Systematics and Evolutionary Research. Anche perché con l’originale è meglio non avere a che fare. Il massaggio dei serpenti anti-stress (guarda) L’attacco del serpente senza corpo (video)I rettili più affascinanti (guarda)[E. Nella foto: una tartaruga neonata della specie - in via d’estinzione - Golden coin box (Cuora trifasciata) spalanca la bocca. Niente di più facile che ritrovarsene uno sotto il naso! Tour, con Drone, di Orti Piccolo Mondo Antico, Terzo concorso fotografico Piccolo Mondo Antico. In questo modo riescono, secondo gli esperti, a venire al mondo pressoché simultaneamente e sotto l’occhio vigile dei genitori. Le onde hanno anche ripulito la spiaggia dagli animali morti prima che potessero pensarci gli uomini. Gran parte del tempo, infatti, questo animale - uno dei serpenti più grandi del mondo 7,6 metri di lunghezza e i 137 kg di peso - lo impiega a digerire. Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. I. Ora, in tutto l'arcipelago, non ce ne sono più di 20 mila. E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? Riuscire a fotografare la nascita di piccole vipere in natura è piuttosto difficile, in quanto bisogna avere la gran fortuna di passare nel posto giusto al momento giusto. Saranno poi liberate all’inizio dell’anno prossimo nel bacino del Rio delle Amazzoni. Realizzazione a cura di Vincenzo Rizzo Pinna http://www.systemanaturae.it Look at also my wildlife photos : http://www.flickr.com/photos/systemanaturae Un cane trotterella un po' spaesato su una distesa di aringhe morte ritrovate spiaggiate i primi giorni dell'anno sul lungomare di Kvaenes, nella Norvegia settentrionale. La vipera aspis è diffusa sulle Alpi e sugli Appennini. Come fare? La Vipera aspis o Vipera comune è presente dalle aree planiziali fino ad oltre 2500 m di quota, un po’ in tutti gli ambienti. E che la solitudine cambia il nostro cervello? Sei esemplari sono stati allevati in cattività e quindi rilasciati in una vicina foresta per abituarli a sopravvivere allo stato brado. Per rifornirsi d'acqua invece usa proprio le corna con cui convoglia ogni traccia di umidità fino alla bocca.Foto: © Uli Stich (UliStich.com), È stata una buona idea quella della piccola farfalla che si è posata sul muso di questo caimano dagli occhiali (Caiman crocodilus)? Ornata da un ampio disegno dorsale a zig-zag, è caratterizzata anch’essa da una notevole varietà di colorazioni. Prima di capire come comportarsi in caso di morso di vipera e, in generale, come interagire negli ambienti in cui vive questo rettile, vediamo brevemente quali sono le altre specie di vipera presenti sul nostro territorio. Anche nei casi più gravi, solitamente passano alcune  ore prima che si manifestino sintomi sistemici importanti. E l'acqua sembra piacergli proprio, è un ottimo nuotatore, capace di stare in apnea anche per 30 minuti, se necessario. Visualizza altre idee su riflessioni, citazioni, parole. Le vipere italiane appartengono alla Famiglia dei Viperidi e sono così suddivise: ... in particolare sul Gran Sasso. Scopri tante altre curiosità sui serpentiSai qual è l'animale con la lingua più pesante?[E. In effetti questo rettile sudamericano (fam. Nessuno al parco sa come sia nata questa amicizia: forse 4 anni di convivenza forzata nello stesso stagno, hanno "limato" le differenze... Ma anche il camaleonte, dal canto suo, è praticamente sordo alle frequenze dei suoni che l’uomo riesce a sentire. Probabilmente non corre rischi visto che questo caimano, che ama vivere lungo paludi e corsi d'acqua dell'America Centrale e dell'America meridionale subtropicale, si nutre prevalentemente di pesci. Esistono ben quattro specie che sono distribuite in tutte le Regioni, ad eccetto in Sardegna dove non sono presenti serpenti velenosi. Disseminate sulla sua pelle non sembrano affatto preoccupate del proverbiale appetito del loro "tassista". I. Ancora oggi apre la processione una mucca, considerata l’animale più generoso. Il suo aspetto non promette affatto bene: il corpo è disseminato di spine appuntite e sopra gli occhi ne ha due ancora più grosse che ricordano diaboliche corna. Le vipere italiane appartengono alla Famiglia dei Viperidi ed al Genere Vipera, caratteristico dell’Europa, del Nord-Africa, del Medio Oriente. Questi antichi rettili, che possono raggiungere 300 chilogrammi di peso, prima dell’arrivo degli esseri umani (XIX secolo) erano molto più numerosi: si stima fossero oltre 250 mila. © Copyright 2021 Mondadori Scienza Spa - riproduzione riservata - P.IVA 08386600152. Scopri anche con quanta precisione cambia colore. Le "ali" sono formate da una membrana "appoggiata" su costole molto allungate e in volo si aprono anche due "flap", che si trovano sotto il mento. Il sistema di volo però è usato esclusivamente come mezzo di locomozione, mentre per fuggire da un predatore le lucertole voltanti preferiscono saltare da un albero all’altro. Alligatoridae) usa le zanne per trattenere e uccidere le prede, ma non per sminuzzarne la carne. Con questo collare aperto appaiono più grandi e minacciosi e hanno tutte le carte in regola per terrorizzare uccelli, serpenti, dingo e gatti selvatici. Prima di capire come comportarsi in caso di morso di vipera e, in generale, come interagire negli ambienti in cui vive questo rettile, vediamo brevemente quali sono le altre specie di vipera presenti sul nostro territorio. ), È 3 mila volte più minuta della madre, ma si farà. Eppure era tutto vero. Le vipere italiane appartengono alla Famiglia dei Viperidi ed al Genere Vipera, caratteristico dell’Europa, del Nord-Africa, del Medio Oriente. Gruppi di attivisti in collaborazione con il governo indonesiano del territorio autonomo di Aceh hanno portato in salvo un centinaio di questi esemplari, dopo che il loro habitat è stato distrutto dal disboscamento selvaggio dovuto all'industria della gomma e dell'olio di palma. Siamo al Taronga Zoo di Sydney, in Australia. ], Un passaggio a un'amica non si rifiuta mai. Bella comodità!Scopri come distinguere un caimano da un coccodrillo A sangue freddo (guarda)[E. Approfittando di tanto in tanto anche degli spuntini, come gustosi dadini di pollo, che gli addetti offrono al rettile. In quanto a tossine, la natura è stata di certo molto più generosa con un altro serpente, il Taipan dell’interno (Oxyuranus microlepidotus) che vive in Australia. La lingua appiccicosa e retrattile dei camaleonti, che una volta distesa può risultare lunga quanto il loro intero corpo, si estende in un sedicesimo di secondo, tanto quanto basta per catturare un grillo, una cavalletta o una mosca a mezz'aria. Il vulcano si trova a 125 chilometri da Città del Messico. Le vipere sono gli unici serpenti velenosi esistenti in Italia. Panda per tutti i gusti: le foto più buffe, @Photo credit: China Daily China Daily Information Corp - CDIC / Reuters, Una fase notturna della gara per cani da slitta La Grande Odyssee ripresa con uno scatto a lunga esposizione. Con uno speciale odore la femmina comunica la sua disponibilità al maschio, che risponde alla "provocazione" leccandole il corpo e strofinandosi il mento su di lei. Qualcuno vi ha preceduti ed è già spaparanzato su una spiaggia del Madagascar. Il rituale ha una base religiosa (celebra la vittoria del divino Krishna contro Kaliya, il dio serpente) ma è anche un modo per esorcizzare il timore di questi animali, che nei mesi estivi, a causa delle frequenti piogge, escono dalle loro tane e si rifugiano, talvolta, nelle abitazioni. solitamente le vipere scappano, non perchè fate rumore, ma perchè sentono le vibrazioni Spettacolari panorami da satellite che sembrano quadri: guarda, Questo pigoscelide di Adelia (Pygoscelis adeliae), il pinguino maggiormente diffuso del continente antartico, è stato fotografato in equilibrio su un banco di ghiaccio galleggiante sul Blue Lake, nella baia del Commonwealth, Polo Sud. Le vipere sono gli unici serpenti velenosi esistenti in Italia. E quando un morso troppo deciso fa saltare qualche canino, l’ingordo predatore non si scompone. La denominazione di "occhialuto" gli deriva dalla gobba tra gli occhi che gli conferisce l'aria da intellettuale…. Sono infallibili cacciatori notturni grazie alle fossette collocate proprio sotto a ciascun occhio: con queste riescono a vedere i raggi infrarossi di tutti gli esseri viventi che emanano calore, come piccoli uccelli e mammiferi. Le vipere italiane appartengono alla Famiglia dei Viperidi ed al Genere Vipera, caratteristico dell’Europa, del Nord-Africa, del Medio Oriente. Ogni estate si sente parlare di grandi vipere trovate nelle campagne che poi, nella maggior parte dei casi, si rivelano serpenti innocui non correttamente identificati. I.]. Auguri per un buon 2021 a tutti gli amici di Vipere Italiane ! Questo perché spiegano i ricercatori, ad attivarla è un tessuto elastico a base il collagene, che a differenza dei muscoli corporei non risente degli sbalzi di temperatura. Riuscire a fotografare la nascita di piccole vipere in natura è piuttosto difficile, in quanto bisogna avere la gran fortuna di passare nel posto giusto al momento giusto. Delle 100 specie di questo animale, 50 vivono nella foresta del Madagascar. Bastano circa 60 euro e una buona dose di fegato per entrare nella "Gabbia della Morte", una scatola di plexiglass spessa 14 centimetri che viene calata - non completamente - in un’area piena zeppa di coccodrilli. Il camaleonte che cambia colore con gli occhiali (ma sarà possibile? Non è proprio un nottambulo, il camaleonte (famiglia Chamaeleonidae), qui immortalato in un momento di riposo. Questa vipera sudamericana (Bothriopsis bilineata), grazie al colore verdastro della sua pelle si camuffa bene tra il verde della foresta boreale. Sai cos'è la neve chimica? Le vipere escono dal letargo tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo, MA non partoriscono sugli alberi, ed i piccoli NON cadono dagli alberi mordendo. [E. Vipera ursinii. È decisamente diurno, ed è proprio in pieno giorno che comunica con i suoi simili: a colpi di cambi di colore, ma non solo. Piccole vipere di Tolfa , Natura Mediterraneo, forum micologico, forum funghi, foto funghi, forum animali, forum piante, forum biologia marina, schede didattiche su piante animali e funghi del mediterraneo, macrofotografia, orchidee, forum botanico, botanica, itinerari Questa percentuale dovrebbe già da sola illustrare ampiamente la reale pericolosità di questi serpenti velenosi. È ancora possibile scoprire nuove specie, anche di grosse dimensioni e persino in Italia, se le analisi genetiche permettono di distinguere tra animali che sono solo apparentemente uguali. Un uomo si pulisce il corpo dalla schiuma delle acque inquinate e ghiacciate del fiume Yamuna, a Nuova Delhi. La vipera di Wagler (Tropidolaemus wagleri) vive tra la Tailandia meridionale, la Malesia peninsulare, Singapore e le isole dell'Indonesia (Borneo, Sumatra e Sulawesi), fino a quelle più meridionali delle Filippine. Altre foto di rettili in questa gallery, Questo cobra probabilmente non apprezzerà la doccia a base di latte a cui l'hanno sottoposto, ma nella religione induista questo rito fa parte di una festività organizzata in suo onore. Considerando però che vivono più di cent’anni hanno tutto il tempo per girare in lungo e in largo il territorio. Qui  non si rischia certo di annoiarsi, in mezzo al campo infatti, scorre il Crocodile River, un fiume pieno zeppo - lo si intuisce dal nome - di coccodrilli. E scambiarlo per una pianta è piuttosto facile! Le vipere sono gli unici serpenti velenosi più pericolosi in Italia. Attenti a dove mettete i piedi! La tecnologia che non ha evitato la tragedia del Giglio Nella definizione di specie, infatti, rientra anche la possibilità per due individui di accoppiarsi e produrre prole fertile: se i due rettili sono così lontani, è probabile che siano troppo differenti geneticamente per produrre viperotti. Hanno inoltre un corpo tozzo e non slanciato e il muso rivolto verso l’altro. Quella bestia di mio figlio: foto spettacolari di genitori e figli del mondo animale, @Photo credit: Mandy Quayle, Solent News / Iberpress. È quello che è accaduto per una nuova specie di vipera, che gli scopritori hanno chiamato vipera dei Walser (Vipera walser), dal nome della popolazione che vive nelle valli. E’ presente esclusivamente nelle alte praterie dell’Appennino Centrale, con popolazioni isolate e di carattere relittuale. I. Ti piacciono le foto a lunga esposizione? Come dire che le particelle sudice rimangono dove stanno, al passaggio del geco. La misura media per gli adulti di vipere italiane è di circa 50-70 centimetri, solo in casi eccezionali si avvicinano ai 90-100 centimetri. Vipera berus : presente in tutte le regioni alpine ed appenniniche italiane ad esclusione della Liguria. È una delle vipere più velenose ma difficilmente letale per l'uomo. Durante il Nag Panchami, che cade ogni anno tra luglio e agosto, i serpenti sono venerati con modalità che vanno dall'offerta di preghiere alle loro statue, alle libagioni di cibo - solitamente miele e latte - fatte nei campi frequentati dai rettili o direttamente sulla loro pelle, come in questo caso. Anche questa vipera all’occorrenza nuota bene. Negli ultimi giorni nei miei terrari sono nati vari serpenti, tra cui alcuni cuccioli di Vipera ammodytes , che … I. È quello che è accaduto per una nuova specie di vipera, che gli scopritori hanno chiamato vipera dei Walser (Vipera walser), dal nome della popolazione che vive nelle valli. Le nostre vipere , insieme agli altri serpenti non velenosi italiani costituiscono un nostro grande patrimonio non solo erpetologico Tra le vipere italiane è quella con maggior quantità di neurotossina. E’ la più piccola delle vipere italiane, ed una delle più rare e minacciate. ], "Andiamo a farci benedire!". le vipere non fanno balzi, nè si arrotolona mordendosi la coda per “fare la ruota” ed inseguirvi. Crocodilia).Secondo una recente ricerca francese, i cuccioli di coccodrillo iniziano a comunicare con l’esterno ancora prima di uscire dall’uovo. Grazie al collo sproporzionato infatti, la tartaruga riesce a respirare mettendo la testa fuori dall’acqua, lasciando il resto del corpo sommerso e al riparo dai predatori. Si tratta di serpenti velenosi la cui colorazione verde brillante serve loro per mimetizzarsi nella foresta tropicale. I. Una piccola iguana crestata (Brachylophus vitiensis) delle Fiji se ne sta appollaiata sulla testa di un varano di Komodo. Myrtle, una tartaruga di 15 anni, si fa trasportare da una sponda all'altra sul dorso rugoso di Georgia, un alligatore americano (Alligator mississippiensis) di 9 anni. Come è accaduto lo scorso dicembre al golfista spagnolo Pablo Martin, che avvicinatosi alla 13esima buca per recuperare la pallina, ha trovato ad accoglierlo questo minaccioso coccodrillo con le fauci spalancate. Ma quando a offrirlo è un temibile alligatore e a scroccarlo una tartaruga, la storia ha dell'incredibile. Scoprendo che la loro lingua si srotolava con la stessa velocità sia alle basse, sia alle alte temperature. Le più suggestive foto di vulcani (guarda), Le simmetrie del Dasht-e Kavir, famoso deserto salato iraniano. Tra una pennichella e l’altra, però, il grande rettile, che può oltrepassare i 4 metri di lunghezza, si dà da fare scavando, con la coda e le fauci, buche nel terreno. Un orango di Sumatra (Pongo Abelii) si dondola su un albero della gomma insieme al suo piccolo. Scopri il mondo Focus.